BENVENUTI NEI MIEI GIARDINI CHI MI VIENE A TROVARE

giovedì 11 luglio 2013

Legologia_pensiero_psichico

C'è stato un attimo dove tutto poteva cominciare
dove tutto si poteva scrivere e riaprirsi un peccato
squarciando con un solo respiro l'apocalittico suono che le pause pronunciano.

C'è stato un attimo
dove ho perseverato il vostro respiro
intagliando a sagoma ogni vostra movenza
c'è stata la speranza
in un gesto di follia
dove tutto si è cancellato nell'anticamera del cervello
asimmetricamente hai tempi di battitura; quando
avete mostrato la vostra vera natura e il senso opposto
e' diventato vero e scartare le caramelle a testa in giù
mi ha reso istintiva...

Persi la parola
Persi lo sguardo
Persi quell'attimo ove scolpisti tutte le vostre emozioni
in un grammo; ci fu rabbia usufruita di necessità
che rese al tempo il controsenso del senso

immagine dal web 

6 commenti:

  1. Ciao Simonetta,
    buon pomeriggio,
    testo bellissimo,
    la profondità delle tue parole mi portano a viaggiare con il solo leggerti.

    Questo lavorro è veramente magnifico!

    Ottimo inizio di settimana
    un grande abbraccio

    RispondiElimina
  2. Grazie! per questo tuo dono mi avvolge

    RispondiElimina
  3. ...ciao Simonetta, perdonami se dico che il tono del colore che hai scelto per scrivere è di difficile lettura per me: due toni caldi, un rosa pesca che si perde nel rosa fucsia dello sfondo, senz'altro voluti, un accostamento che favorisce a velare i versi, i quali tendono a sottrarsi alla lettura estemporanea del pensiero...non è una critica alla poesia, anzi, tutt'altro, è soltanto una mia pura constatazione visiva...con infinita stima e rispetto, Sergio...alla prox...

    RispondiElimina
  4. Rimango sempre affascinata dal tuo scrivere...intenso ed enigmatico, allo stesso tempo, per far si che la mente elabori profonde rifessioni...
    Un abbraccio silvia

    RispondiElimina